martedì 30 novembre 2010

Flash Memories: Toys from the 80s and early 90s

Vi ricordate questi giochi? Rendevano la vita meravigliosa (delle femminucce soprattutto!)

I POPPLES





Questo viola era il piu' bello!
I popples erano degli animaletti di pelo con uno zainetto incorporato nella schiena che ad un certo punto ci entravano dentro e diventavano delle palle.

LADY LOVELY



La mora Lady Ciocca era la piu' bella del trio. La rossa era un po' svampita. "Lady Lovely Lady Lovely hai dei magici capelli, lunghi lunghi forti e belli, Lady Lovely" ecco, dalla sigla del cartone si capisce che Lady Lovely era questa principessa con dei capelli stupendi e lunghissimi. Per renderli ancora piu' belli lei e le sue due amiche prendevano queste sottospecie di scoiattolini colorati con delle code lunghissime e li applicavano tra le ciocche per avere i capelli multicolore con spille viventi fatte da animaletti di bosco. Geniale.

PACIOCCHINI





I paciocchini non servivano a niente. Creavano solo una folle e incotrollabile dipendenza a causa di quelle sostanze stupefacenti di cui era cosparsa la plastica che profumava di divinita'. I paciocchini servivano per respirarli.

POLLY POCKET



I Polly Pocket racchiudevano l'elisir di felicita' eterna in una scatola colorata con dentro un universo correlato di tutto il necessario per vivere una vita lunga di gioia e agi.

MAPLE TOWN


Un po' la stessa gioia olfattiva che donavano i paciocchini in versione tattile. I pupazzini di Maple Town servivano per essere accarezzati e provare quel piacere estremo del pelo cortissimo e soffice che faceva avanti e indietro sotto i polpastrelli.


TEDDY RUXPIN



Teddy Ruxpin rappresentava il primo approccio sessuale-sentimentale per le bambine nei confronti dell'altro sesso. Creava una sorta di fascino e attrazione nelle bimbette che lo ammiravano nel superare mille ostacoli e avventure. Ci deve essere stata dietro una qualche manovra di marketing strano, perche' NON era assolutamente l'orsetto dolce, buffo e imbranato. Tutt'altro. Teddy Ruxpin era un figo.


GIRA LA MODA


Insieme ai fazzoletti di stoffa della nonna ridotti a brandelli per fare i vestiti alla Barbie, 'Gira la Moda' rappresentava l'altra alternativa per inventarsi e creare i vestiti. Di solito gli abbinamenti prevedevano robe tipo cappotto di lana, cappello di paglia, gonna da tennis e tacchi a spillo.


BAMBOLA MY LOVE



La bambola piu' bella mai stata creata per forme, colori, materiali, vestiti, epsressione. Come era morbida?????? Una delle cose piu' belle era infilare le dita nei due concavi bulbi oculari. Un piacere unico.

HAPPYPOTAMI


I pionieri tra le sorprese "belle" della kinder. Hanno dato il via ad una gara all'ultimo sangue che ci ha visti divoratori di centinaia di ovetti settimananli nella totale arresa delle madri schiavizzate da una sorpresa su cinque.



lunedì 29 novembre 2010

Flash Suggestions: The Brit Pop Messiah

We have the honor to introduce you to our great friend Mattia Costantini aka Pee Dirty:
a poet, a savior, a connoisseur and lover of English music, a gentle heart, the messiah of indie style.




Here some of his best pieces of work:


insostiuibile
senz altro
la parte di me
che risiede nel tuo grembo
cosi senza piu innocenza
vago nella pioggia
e davanti ai miei occhi
le porte vengono chiuse
a poco
a poco
divento inconsitente
l identitità
oscilla nel vuoto freddo
cristallino
naufraga del tuo amore sconosciuto
recupero la vita
a fatica
pezzo
per
pezzo
ma no son più
quell animale di puro fuoco
che pensavo
di essere prima


//////////////////////////////////////////////////////////////////////




come un pesce
nel suo salto
di puro istinto
nell onda
vorremmo fluire
nella vita
senza pensieri
senza il bene
e il male
a ossessionare per niente
i nostri sogni
come una ruota che gira
non riusciamo mai
a vedere
ne la fine
ne l inizio
della storia
noncuranti
delle picoole
e grandi ferite
e dei nostri suicidi segreti d amore
malcelati
tra le lacrime
e i sorrisi
di chi non sa mentire
sembra sempre
che sia tutto perduto
ma a volte
il sole risorge senza motivo
tra le ombre
nei vicoli ciechi dei nostri pensieri
dove abbiamo perso
quel pò di umanità
che ci permette
di lottare
in quel roveto
di rose in fiamme
che è la vita


////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////








noi bruciamo di speranza
tra le ceneri di
noi stessi
perduti
come non mai
adesso
senza memoria
alcuna
di come poter ricominciare da capo
con un unica
corolla d amore
rimasta
che palpita lieve
come il tintinnio
di una campana dargento
in una casa vuota
in cui la nostra anima
cerca disperatamente
di entrare


///////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////






cè sempre qualcosa che manca
nella nostra vita
che ci aspetta nell ombra
e noi non riusciamo
ad afferarla mai
perchè siamo troppo lontani
e ci sfugge dalla presa
nell attimo
il bagliore dura poco
scoparendo
nel buio
come fuoco fatuo
nelle notti senza luna
non ci rimane allora
che tornare
solitari
al nostro porto sicuro
chiudendo a chiave fuori le illusioni
il piu possibile
anche se
niente dura piu a lungo
della nostra capacità
di ricominciare ad amare
messi alla prova
stremati
ce ne stiamo
alle corde
nell angolo
con le palpebre consunte
in cerca di uno spiraglio di luce
che soddisfri pienamente
la nostra immancabile
desiderata
evasione
mai vissuta fino in fondo
e ci chiediamo
con le mani
tra i nostri pensieri
se verrà il momento
prima o poi
della vera e unica
fuga
senza ritornare piu indietro
a tutto ciò
che non ci appartiene
solo nel movimento
dimentichiamo chi siamo
sospesi in avanti
l identità
perde peso
e
sostanza
e finalmente
la libertà
scende giu
nell anima
come argento vivo



/////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////








ce ne stiamo
in disparte
nel vortice del tempo
tra le ore vuote
distanti
dal vero cuore
del mondo
quasi senz anima
non capendo mai
dove in effetti
potremmo iniziare
la nostra vera vita
o ricominciare
forse
da capo
e sulla palma della nostra mano
ci osserviamo
perchè badate bene
solo
nei nostri desideri
la vita la teniamo bene
in pugno
insomma noi ce ne stiamo li
completamente distesi
mente
corpo
anima
e sogni
cercando di tenerci ben stretta la nostra giovinezza
mentre
tutto il resto
scorre senza aspettarci
senza poter far altro
che osservare
il lento e frenetico lavorio
da formiche
del resto del mondo
non capendo mai e poi mai
se siamo noi che sbaglaimo
o loro
e ogni tanto
proviamo e riproviamo ad entrare
ma siamo timorosi
perchè l inutilità di quella vita per formiche
ci spaventa
ci terrorizza
respingendoci ai bordi
della realtà
indifesi
ci sentiamo perduti
in un misero lembo
di solitudine nascota
ma alla fine siamo tutti
segretamente spinti
da grandi ideali
migliori
di quella vita che vediamo cosi da lontano
verso qualcosa
che puo illuminare
ancora i nostri occhi
d amore
ma alla fine
nessuno lo ammeterai mai fino in fondo
e cosi stupidamente affrontiamo
la nostra soprravvivenza donquischottesca da soli
ma anche
chi è incosapevole
mantiene vivo
senza saperlo
il suo segreto innocente
d amore
che ancora può nascere
e alzarsi fiero
dalla palma della proria mano



//////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////





for more info: contact the open Facebook group SOUL FOOD INC
http://www.facebook.com/home.php?sk=group_181578345189870

and the blog:
(bellissimo!)





/////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////



domenica 28 novembre 2010

Tram a Milano

Praticamente una volta salito su uno dei vecchi tram di Milano non puoi piu' fare niente.




Non che avessi l'intezione di farle queste cose. Magari scendere si, e invece rispetto le regole e sono ancora su.



sabato 27 novembre 2010

Flash suggestions: Lino Bansky




Ok, di certo non c'è ormai nessuno che non conosca Bansky (nel caso non fosse così, fatevi aiutare da google). Ma magari non avete visto le sue opere rivisitate in chiave commedia italiana anni '70. Il nome dell'autore? Lino Bansky, naturalmente